STORIA

fusi cartolina 16 2 1.jpg
Inaugurazione Fusi Boutique
Inaugurazione Fusi Boutique

Anni 30
Anni 30

Natale
Natale

Inaugurazione Fusi Boutique
Inaugurazione Fusi Boutique

1/6

Fusi Boutique dal 1928

Nel 1928 Raffaello Fusi apre a Santa Margherita il Laboratorio Fiorentino dove produce pregiati capi in pelle, borse ed accessori apprezzati dalla migliore clientela di quegli anni di inizio secolo e che venivano venduti nella boutique gestita dalla moglie Norina.

Nel 1971 il figlio Paolo apre sempre in Via Gramsci Fusi Boutique, uno dei primi negozi multimarca specializzati nel settore della jeanseria, sicuramente uno dei pochissimi a gestione famigliare che ancora oggi è rimasto nella stessa ubicazione, come punto di riferimento per i  tantissimi clienti affezionati.

Paolo Fusi e sua moglie Sandra hanno rafforzato sempre più l'immagine dell'azienda  e nel 1991 si ampliano aprendo  WP Store, il primo negozio in Italia che affianca all'abbigliamento la vendita di oggettistica ed accessori reperiti in giro per il mondo, una novità assoluta sul mercato nazionale.

Questa passione per il commercio  viene trasmessa alla figlia Giulia che dopo una laurea in economia e commercio decide  nel 1997  di portare avanti l'azienda di famiglia con l'entusiasmo e la professionalità ereditati dal papà e necessari per crescere in un settore così aperto alla concorrenza.

Fusi Boutique è la storia di una passione famigliare che sta attraversando due secoli così diversi e che è riuscita a diventare sempre più il punto di riferimento per la moda in riviera affiancando ai marchi tra i più conosciuti una costante e capillare ricerca del miglior prodotto italiano. 

Ed ora arriva direttamente a casa dei propri clienti, in tutto il mondo!

Cattura.JPG

Il progetto Fusi Boutique 4.0 finanziato dal POR Liguria FESR 2014-2020, ha introdotto un nuovo prodotto-servizio per l’azienda, ovvero una soluzione di e-commerce e di social selling che affiancherà la vendita tradizione (commercio al dettaglio) di abbigliamento maschile e femminile.

L’investimento ha portato in azienda nuove competenze, nuove tecnologie e una nuova cultura, guidando la digital transformation dell’impresa e stimolando l’adozione di un modello di business più innovativo.